Storia di Barcellona nell'evoluzione della Catalogna

Storia della Capitale Catalana

Guida di Barcellona

Cerca con Google
Cerca in Catalunyamyweb.com

Barcelona


Introduzione
La storia di Barcellona  sarebbe incompleta se non mettessimo in evidenza la seconda parte, ovvero il ruolo di Barcellona,  nell'ambito del mondo circostante.

Un esempio, come si chiamavano i cittadini che vivevano nei paesi conquistati dalle le legioni di Roma?
Romani. I cittadini romani, vivevano dalla Scozia alla Siria e quando Costantino trasformò Bisanzio in Costantinopoli, poi l'impero Romano d'Oriente.. i Bizantini, consideravano loro stessi, Romani, magari parlano in greco anziché in Latino.. come vedete nella storia un Impero si identifica nella su città.. Roma, dove sino all'epoca di Costantino e prima della "Tetrarchia" c'era senato, dove si prendevano le decisioni importanti, dove si creavano leggi e si onoravano gli imperatori.. e dove questi risiedevano.

Detto questo,  come chiameremmo o si identificano, i Conti e i cittadini della "Ciudad Condal", Barchinone, dove vennero create le basi delle prime leggi come gli Utsages, (Incipitunt Usatici Barchinone ) ovvero le "istituzioni dell'epoca Condal"? Barcellonesi? Catalani?

Per questo motivo la storia di Barcellona  viene divisa in due, in questa pagina descriviamo come l'origine e i fatti che ne delimitano la sua Storia, la Storia di Barcellona e la INDICE della Storia di Barcellona nella quale si elencano i fatti storici che susseguirono durante e dopo la creazione delle"Contea" e della Ciudad Condal

Inizio
 


Gli Iberici di Barcellona e della Catalogna.

Gli antichi abitanti della costa, i LAYETANOS, i Laietani, furono i primi a convivere con gli invasori Cartaginesi e poi con i romani.

Curiosità un insediamento dei Layetanos
Non avendolo visitato inseriamo i link della ricerca
Dove incontrarlo? Villaggio iberico di Puig Castellar -
GoogleMaps Poblado Ibérico Layetano Puig Castellar
- Puig castellar in Wiki
- oppure:
Puig Castellar.es

Ovviamente abbiamo visitato alcuni siti archeologici Iberici, potete visitare le pagine di:
Ullastret
Olerdola

I primi insediamenti appartenenti ai Laietani risalgono al 700 a.c. Più tardi, nel corso della 2ª Guerra punica, la fascia mediterranea della Catalogna fu conquistata dai CARTAGINESI, che a loro volta furono sopraffatti dai ROMANI i quali nel 15 a.c.
Barcino Romanafondarono la "Colonia Iulia Augusta Faventia Paterna Barcino", la Barcino Romana su un antico CASTRUM, dove in seguito elevarono mura che ancora fanno parte dell'attuale Barrio Gotico.

I LAYETANOS
Vivevano nella zona costiera compresa tra il fiume LLOBREGAT ed il fiume TORDERA.
Le attuali città più importanti abitate dagli antichi IBERI sono:

Mataró, (Ailuron), comprendente la collina dove sorge il Castillo de Burriac.
Badalona (Baetulo)
Barcellona (Barkeno)
Terrasa (Egara)
Blanes (Blanda)

Indice


LA STORIA DI BARCELLONA È ANCHE MITOLOGIA.
Leggende relative alla mitologia raccontano della Fondazione di Barcellona da parte di Ercole (Heracle) o addirittura da Amilcare Barca, padre di Annibale e Asdrubale, il quale sbarcò nel 218 a.c. a Baetulo, l'attuale Badalona.

Nota Storica
Per la verità la parola "Barca" fu aggiunta dagli storici che tradussero la parola "Barak", significato di fulmine" in latino, (Barak benedetto in ebraico).
 

Annibale deriva sempre dalla lingua Semitica, comune con l'ebraico , siriano, arabo.. che significa "Hanni-baʾal" , in fenicio sarebbe: colui che "gode dei favori di Baal".

I Barcidi.
 

I Barcidi da Wikipedia

In seguito alla traduzione latina di Barca gli storici parlarono di questa famiglia definendone i discendenti " i Barcidi"..

Personaggi  celebri che portano il nome di Barak sono Barack Obama e Muammad Hosnī Sayyid Ibrāhīm Mubārak presidente Egiziano.

La dominazione Romana durò circa 600 anni sino alle invasioni barbariche, e quando Roma fu conquistata dai Visigoti, Ataulfo fece di Barcino, Barcellona la CAPITALE dei territori Hispanici ma solo per breve tempo.

 Tuttavia abbiamo anche un'altra leggenda.. Giasone, gli Argonauti e Ercole.. come fu fondata Barcellona da Ercole?
Leggenda mitologica fondazione di Barcellona

Indice



I VISIGOTI.
Palau Reial Major - barcelonaAtaulfo, successore di Alarico I re dei Visigoti, governò dal 410 al 415 finché non venne ucciso da  Sigerico, fratello di Saro proprio qui, a Barcellona, nella residenza che diverrà la sede dei conti.. ed in seguito dei Conti-Re della Corona di Aragona ovvero il Palau Reial Major... almeno cosi dicono.

Fu il primo re effimero del regno dei Visigoti nella Penisola Iberica, poco prima di Valia dei Balti o Walia che regnò dal 416 al 418.

Nota Storica. L'esercito romano composto e comandato da Generali Romani di origine Gota, come Stillicone e lo stesso Alarico, rivestivano il grado di Magister Militum (Generale federato).
I federati, (popolazioni che vivevano all'interno della repubblica ricoprendo incarichi militari), seguivano i vari imperatori che a loro volta lottavano per il potere. Qui entra in scena Saro, Magister equitum per la Gallia e suo fratello Sigerico che aspirava a diventare re nella Penisola Iberica, ma prima doveva uccidere Ataulfo. E così avvenne, si proclamò re ma come si dice, ebbe vita breve, sette giorni dopo fu ucciso da Walia, fratello di Ataulfo, divenendo il primo re effettivo dei Visigoti in Spagna.


Si narra che Alarico nella convulsa storia degli imperatori romani d'Oriente, Onorio (384/483), Costantino e Prisco Atalo, finita poi con l'episodio storico sacco di Roma del 410, fece prigioniera Galla Placida , figlia precedente Imperatore Romano Teodosio I (347/395) e sorellastra di Onorio, divenendo la protagonista del seguente episodio.
 
Ataulfo - statua Giardini d'oriente Madrrid

Immagine: Ataufo, re dei Visigoti, Jardines Plaza de Oriente, Madrid

Ma tralasciamo questa storia, arriviamo al punto fondamentale, Ataulfo, cognato di Alarico si dirige verso la Gallia portando con se Galla Placida che secondo alcuni storici, si sposò con questi a Narbona, Narbonne, nel 414.. dandogli persino un figlio (415), che chiamò Teodosio morto subito dopo, poco prima che fosse assassinato da Sigerico.

Nota Storica da Barcino a Barcellona.
Dal X secolo in poi, man mano che i conti espandevano i loro domini, la città  cresceva , aumentava di popolazione grazie al commercio, questo avanzamento produsse un lento e inesorabile cambiamento del nome  passando a chiamarsi inizialmente " Barchinona",  una mutazione linguistica che arriverà sino a " Barcelona".


Quindi Ataulfo, fu il primo re dei Visigoti e Galla Placida la prima regina.. come ricorda la scultura di Subirachs in un'ala dell'edificio dell'Ajuntament de Barcelona, il comune di Barcellona.
 

Galla-placida- Scutura di Subirachs a Barcellona


Il successore di Ataufo, Walia, trasferì la capitale a Tolosa, in Francia.
In successivo Re Visigoto fu Teodorico I, (418/451) figlio illegittimo di Alarico I o figlio di Walia... Successivamente la capitale Visigota si spostò a Toledo.
Segui leggendo: Il Regno dei Visigoti


 

Indice


 
LA DOMINAZIONE ARABA.
 

Tarik ib Ziyard

La dominazione de regno visigoto nella Penisola viene interrotta da Tariq ibn Ziyad (Tariq il Guercio), fedele alla Omayyadi, che nel 711 sbarca a Jabal al-Tāriq (Montagna di Tariq, Rocca di Gibilterra) iniziando cosi la conquista Araba della penisola Hispanica.

Più tardi nel 716, gli arabi di AL HURR,
Al-Hurr ibn ʿAbd al-Ramān al-Thaqafī, irruppero nel "Tarraconenses" distruggendo Tarraco e Barcino conquistando tutti i territori arrivando sino a Pamplona.  Le popolazioni cercarono rifugio al di la dei Pirenei in particolare nella "Settimania".

Qualche anno dopo nel 732, gli arabi del governatore di al-Andalus, Abd al-Rahmān al-Ghāfiqī attraversarono i Pirenei dove si esaurì la loro espansione quando si scontrarono con il Duca Eudes e Carlo Martello nei pressi di Poiters.

Carlo Martello, in seguito, costruì le basi sulle quali Pipino il Breve divenne poi re dei Franchi e suo figlio Carlo divenne imperatore del Sacro Romano Impero conosciuto a posteriori come
CARLO MAGNO.

Indice



LA MARCA HISPANICA

La Marca hispanica da WikipediaCarlo Magno per arginare possibili incursione islamiche si affidò alle popolazioni autoctone creando così nuove Contee, su una linea chiamata: Marca Hispanica, che andava dal Languedoc-Roussillon, (settimania) sino agli attuali paesi Baschi, sull'Atlantico, nominando in questi feudi, Conti della discendenza Carolingia e nobili Visigoti.

Alcune di queste Contee, successivamente divennero dei regni come quello di Pamplona (Reino de Pamplona) e successivamente di Aragona.

Indice


I PRIMI CONTI DI BARCELLONA.
Gli abitanti di Barcellona, nel 801, aprirono le porte ai nuovi arrivati, Ludovico, (Luis el Piadoso) che riconobbe alla città una certa autonomia  concedendogli un governo proprio e per questo, nacque la Contea di Barcellona con i primi conti di origine franco visigota o Ispanogota..
Per approfondire:
I primi Conti di Barcellona sino a Giufré el Pilós.

al-Tagr al-Ala marca superiore da wikipediaNota storica. Nel Contempo, in contrapposizione alla Marca Hispanica, gli al-andalus crearono la "Marca superiore" , la al-Tagr al-A la, (oltre alla marca media e inferiore che comprendeva la Lusitania ovvero il Portogallo) 

Tra questi, il conte Goffredo I di Barcellona, detto il Villoso o Wifredo el Velloso e in catalano Giufré el Pilós (878 -897) che fu il primo a riunire sotto il suo controllo parte di questi territori che in seguito furono chiamati Catalunya ed inoltre conseguì il diritto di successione delle contee ai suoi discendenti.

Per questo motivo viene riconosciuto come il Padre della Catalogna la cui capitale era ed è Barcellona che allora fu definita la Ciudad Condal o Ciutat Comtal in Catalano.

Ma gli attacchi musulmani non cessarono e nel 985 Almanzor distrusse Barcino (oltre a Santiago de Compostela e altre città che si sentivano protette dal Matamoros.. )

Borrell II- COnte di BarcellonaBorrell II, nipote di Wifredo el Velloso, nel 988 ricostruì la città distrutta da Almanzor conseguendo l'indipendenza dal Re Francese Lotario, colpevole di non essere intervenuto a sostegno di Barcellona.
La diplomazia di Borrell II, favorì un periodo di splendore e di sviluppo che nei secoli successivi fecero di Barcellona e la Catalunya una delle maggiori potenze del Mediterraneo in competizione con Genova e Venezia.

La Ciudad Condal negli anni a venire si trasformò in città Reale dovuto all'unione dinastica dei Conti di Barcellona con il Regno di Aragona che dette origine ad una nuova realtà Nascita Corona di Aragonapolitica ed una nuova dinastia: la Corona di Aragona i cui Sovrani  ampliarono il loro dominio conquistarono molti territori che si affacciano sul mediterraneo e non solo.

UsatgesCrearono nuove istituzioni sulla base delle "Istituzioni dell'epoca Condal" come le Corti Las Cortes Catalanas e degli Usatges de Barcelona, leggi che furono la base istituzionale della Corona e dei Paesi Catalani.

Indice



Unificazione della Spagna con i Re Cattolici
Nel XV secolo, si produsse nella Corona di Aragona un cambio dinastico che portò successivamente all'unione di Isabella di Castiglia e Ferdinando II d'Aragona, conosciuti come i Re Cattolici, ambedue della famiglia dei Trastamara, i quali conquistarono tutti i territori musulmani e per ultimo il Regno di Granada unendo così sotto un unico regno tutta la Spagna e con Cristoforo Colombo e la scoperta delle Americhe conseguirono dominare un vasto impero.

Sul trono di Spagna si susseguirono le dinastie degli Asburgo e dopo la guerra di successione, quella dei Borbone, ma sin dal primo momento iniziò un periodo di tensione con Barcellona che si acutizzò con Filippo V di Borbone nel XVIII secolo.

La Catalogna dall'unificazione sino al XX secolo.
Nel Principat de Catalunya, Principato di Catalogna, queste tensioni si esasperarono prima con la Guerra Civil Catalana (1462–1472) e successivamente nel 1640 dando origine alla guerra del Els Segadors, dei mietitori, (da qui il nome dell'inno nazionale Catalano)..

e tra il 1706 ed il 1714, "LA GUERRA DI SUCCESSIONE", che con i successivi "Decreti di Nueva Planta" segnarono la scomparsa delle istituzioni Catalane che vigevano da secoli e la modificazione geografica degli stessi territori.

Dopo il regno durato 26 mesi di Amedeo Ferdinando Maria di Savoia, l'11 febbraio 1873 fu proclamata la prima Repubblica Spagnola che durò sino al 29 dicembre 1874.

In seguito venne restaurata la monarchia di Alfonso XII di Borbone.
Barcellona divenne sede dell'Esposizione Universale del 1888 e del 1929 che le diede una dimensione internazionale.

In questa occasione vennero inaugurati il Palazzo Nazionale, le Fontane Magiche del Montjuic ed il Pueblo Español.

Verso la fine del XIX secolo, nascono in Europa tendenze architettoniche che rompono i ponti con i criteri del passato andando alla ricerca di nuove forme. Questo movimento sorge in seguito alla rivoluzione industriale ed ai progressi da essa scaturiti e si chiamerà Modernismo.


Indice


IL MODERNISMO
Nel XX secolo, caratterizzato dal Nevecentismo e il Modernismo, Barcellona abbraccia le avanguardie culturali provenienti dagli altri paesi, in particolare la Francia e l'Inghilterra. Allora come oggi, Barcellona diventa un punto d'incontro e confronto della cultura e della scienza Europea.

Reial Academia Ciencia Artes Barcelona ModernismoIl Modernismo Catalano nacque in modo diverso da quello europeo proprio per gli eventi storici che derivano dalla nascita della Catalogna medesima. L'influenza araba e successivamente quella francese sono alla base del Modernismo Catalano.

Foto: Modernismo a Barcellona - Reial Academia Ciencia Artes Ramblas.


Il modernismo rifiuta lo stile poco attraente dell'architettura industriale della prima metà del XIX secolo, e sviluppa nuovi concetti architettonici inspirati alla natura.
Lo sviluppo del modernismo è stato favorito in Catalogna dall'impegno culturale della borghesia catalana, assai colta e sensibile dal punto di vista artistico.

Più di cento sono stati gli architetti artefici degli edifici modernisti catalani. Tra essi vanno ricordati Antoni Gaudì, Lluís Domènech i Montaner e Josep Puig i Cadafalch.

Il Modernismo a Barcellona. Le caratteristiche principali del Modernismo sono le curve, archi parabolici, le forme organiche rappresentate nelle decorazioni ornamentali ispirate alla natura. L'uso di differenti materiali come il ferro, ceramica, cristalli, pietre colorate ecc. Una fantasia architettonica ispirata dall'art Nouveau o il Liberty che a Barcellona si chiamerà Modernismo Catalano.

Sul Paseo de Gràcia vi sono molti edifici modernisti che portano il nome di grandi architetti come Gaudí, Puig i Cadafalch, Domenec i Montaner, Villaseca, Enric Sagnier i Villavecchia etc

Indice


LA SECONDA REPUBBLICA.
Il 14 aprile 1931, nasce la Seconda Repubblica Spagnola e a conseguenza il re Alfonso XIII viene esiliato. Nel corso di questo periodo si sviluppa una "Guerra civile" che terminerà il 1° aprile 1939, data della vittoria definitiva di Francisco Franco.

La dittatura portò Barcellona in un nuovo periodo di decadenza sociale e culturale contrassegnato dalla forte immigrazione che però ebbe termine con gli anni settanta, coincidenti al ritorno alla democrazia.

BARCELLONA OGGI.
Barcellona ebbe così l'opportunità di un nuovo sviluppo urbanistico dovuto al recupero dell'identità politico-culturale. I Giochi Olimpici, organizzati nel 1992, contribuirono molto allo sviluppo della capitale catalana. Negli anni che vanno dalla designazione olimpica nel 1986 al 1992, Barcellona si trasformò radicalmente, rinnovandosi, ampliandosi e promovendo la sua immagine ovunque nel mondo come URBE COSMOPOLITA CON UN MARCATO CARATTERE CULTURALE.

Indice
Tags: Storia di Barcellona, sintesi, Catalogna, Iberi, Visigoti, invasione araba, Modernismo, capitale catalana, Storia di Barcellona, leggenda , leggende, (3) 15/12/2021